Home / Cultura / Musica / Radiohead – Ok computer (1997)

Radiohead – Ok computer (1997)

Premessa: non so se sono in grado di descrivere, in poche parole, tanta magnificenza. Ci proverò.
In principio Dio creò il cielo e la terra. Il 16 giugno 1997 i Radiohead pubblicano, sotto l’etichetta Parlophone, Ok computer.
A pochi mesi dall’uscita del disco, i lettori della rivista inglese Q votarono OK Computer come miglior album di sempre.
Basterebbe solo questo. Ma vado avanti. O almeno, ci provo.
Il disco si apre con Airbag: un pungente riff di chitarra si scioglie per dare spazio allo stralunato falsetto di Thom Yorke, elettronica e pop – rock, esplosioni interstellari salvano l’universo.
Poi arriva Paranoid Android: una suite di 7 minuti, una sinusoide psichedelica in cui risplendono a pieno le capacità dei fratelli Greenwood. Johnny traccia un assolo stupendo su di un arpeggio che credo possa far resuscitare dal coma, Colin dichiara: “in Paranoid Android, il sound verso cui ci siamo indirizzati era costituito dall’idea di un incontro fra Dj Shadow e i Beatles”. Dio ama i suoi figli.
Come se non bastasse, Subterranean Homesick Alien riecheggia nel titolo la dylaniana Subterranean Homesick Blues, brano melodico che apre la pista alla malinconia di  Exit Music (For a Film) …. c’è un freddo tremendo, un freddo tremendo.
Poi Let down verso Karma Police, probabilmente, il brano più conosciuto dei Radiohead. Perdo me stesso.
Potrei continuare ancora. Ma la mia finitezza non mi permette di contemplare l’infinito.
Ok Computer è il big bang. Dentro c’è tutto. È l’uno di Plotino. Trascendente ipostasi. È il motore immobile di Aristotele.
Non ce la faccio. Non ho le parole. Vi chiedo scusa. Riporto solo la frase che, ormai nel lontano 2008, ho inserito sul mio profilo facebook e che non cancellerò mai: “A heart that’s full up like a landfill, a job that slowly kills you, bruises that won’t heal. You were so tired, happy, bring down the government, they don’t, they don’t speak for her”.
No alarms and no surprises, please.
P.S. Questo articolo è dedicato all’amico Lester Burnham.

Paranoid Android

Karma Police

No Surprises

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su White Riot

White Riot

2 Commenti

  1. Mauro Stracqualursi

    Beh, che dire!! Grandioso <3 <3 <3

  2. Panz

    Good! la mia preferita è no surprise. non so perchè.

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*