Home / Politica / L’identikit di Nitto Palma

L’identikit di Nitto Palma

Nome: Nitto Francesco

Cognome: Palma

Nato: 3 Marzo 1950

Luogo di nascita: Roma

Lavoro: Magistrato e politico, dal 27 luglio 2011 nuovo ministro della giustizia

Ruoli ricoperti: Sottosegretario al ministero dell’Interno; sostituto procuratore della Repubblica di Roma fino al 1993; più volte di sostituto procuratore nazionale Antimafia

Segni Particolari: Berlusconiano di ferro (le agenzie, in oltre 10 anni tra i banchi del Parlamento, non hanno mai registrato una parola contraria a Silvio Berlusconi)

Le sue idee:

  • Non credo possiate ritenere che l’indennità parlamentare, cioè l’indennità che sostanzialmente riguarda un deputato o un senatore, sia davvero esagerata rispetto, non so, agli emolumenti di un capo di dipartimento dell’amministrazione, di un amministratore delegato di un qualsiasi ente, di tante sacche della pubblica amministrazione che hanno retribuzioni di gran lunga superiori a quelle dei parlamentari. (dalla dichiarazione di voto  al senato del 8 novembre 2007)
  • Francesco Nitto Palma,ha depositato ieri sera il suo emendamento al testo base Boato sull’attuazione dell’articolo 68. Un testo che introduce il “modello spagnolo” versione Forza Italia: processi e termini sospesi per parlamentari in carica, giudici costituzionali e presidente della Repubblica fino fine del mandato. Con effetto retroattivo, escludendo solo alcuni reati gravissimi. Tutto, o quasi, come annunciato. (fonte: Repubblica 17-7-02)
  • nel caso Imi-Sir/Lodo Mondadori, si è spinto fino a chiedere una commissione d’inchiesta sull’uso politico della magistratura e su Tangentopoli, per comprendere se fosse mirata «al perseguimento di obiettivi di natura politica o ideologica». Polemizzando con il «partito» degli Ingroia e degli Scarpinato, toghe politicizzate che vorrebbero poter «sciogliere perfino i governi nazionali» al tintinnare delle manette. O meglio, al «rumor di sciabole». (fonte: http://www.lettera43.it/politica/21913/ministro-ad-personam.htm)

Ispe dixit: In politica non esistono tabù». Tranne uno. Berlusconi.

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*