Home / Cultura / “Carpe Diem”, le pagelle dello spettacolo

“Carpe Diem”, le pagelle dello spettacolo

Seconda prova superata a pieni voti per la Compagnia Teatrale “Dietro le Quarte”: dopo il grande successo dello scorso anno, in cui gli attori si sono cimentati nella folkloristica commedia “Una seduta spiritosa”, la compagnia alza il tiro e si confronta nientemeno che con un cult del cinema firmato Peter Weir. “Carpe diem” è il gentile e raffinato tributo a L’attimo fuggente, poetico dramma che si consuma tra le mura del Collegio maschile di Welton; un tributo senza fronzoli, quasi essenziale, che conserva dell’originale una puntuale caratterizzazione dei personaggi (per la maggior parte riadattati in un’ottica prettamente femminile), la dinamicità dei dialoghi tipica del cameratismo adolescenziale, ma soprattutto una fedele interpretazione del professor Keaton, perno della scena e motore dei cambiamenti psicologici che via via si dipanano lungo tutto lo spettacolo sotto il suo monito “Carpe diem”. Welton si trasforma in un collegio femminile ma non perde in quanto freschezza e vitalità; lo spettacolo, dopo un iniziale momento di palpabile tensione comprensibile per una compagnia di dilettanti, prosegue linearmente e senza visibili intoppi scaturendo nella sala gremita del Teatro Vittorio Gassman di Ripi momenti di ilarità alternati a momenti davvero emozionanti. E come potrebbero non esserlo? La scelta di inscenare L’attimo fuggente, per cui vanno i miei personalissimi complimenti alla regia di Ivan Padrone, implica una motivazione che va oltre la semplice smania di portare a casa la perfetta performance artistica. Tra i versi di Walt Whitman, Ralph Waldo Emerson e Henry David Thoreau, senza contare la filosofia di vita di cui ci rende partecipi il professor John Keating, sabato sera abbiamo assistito alla valorizzazione dell’arte nell’arte, secondo un chiaro principio di metateatro. Grazie dunque a tutta la Compagnia, che non solo ci ricorda la celeberrima frase “Carpe diem, cogliete l’attimo ragazzi, rendete straordinaria la vostra vita”, ma la mette in atto essa stessa affrontando una prova non convenzionale, preferendo la “strada meno battuta” da cui siamo usciti tutti un po’ diversi.                                                                                                   Complimenti dunque a tutti senza distinzione, con l’invito a seguire sempre questa passione. Di seguito le mie pagelle:

 

Mauro Stracqualursi alias Signor Nolan: 7                                                                                                                                  Apre la scena l’attore visibilmente più teso di tutti. L’emozione gli gioca brutti scherzi tra cui qualche strafalcione iniziale (tra cui il “Signori e Signori” che non ci dimenticheremo presto!) tuttavia reinterpreta l’austero personaggio in maniera personale, quasi caricaturale, raggiungendo in alcune scene dei picchi di simpatia inimitabili. Dall’altissimo potenziale.

Valeria Cresci alias Signora Perry: 7+                                                                                                                                        A questa attrice l’ostico compito di impersonare una madre severa ed autoritaria (che nel film è invece un padre) senza risultare la solita “donna bacchettona”. Compito parzialmente riuscito, prova buona ma che rischia a tratti di cadere in un cliché. Padrona del palco.

Michela Mollo alias Emily Perry: 9                                                                                                                         Ineccepibile, emozionante, dotata di capacità comunicative ed espressive. Spicca tra le studentesse anche senza avvalersi di uno stile recitativo particolarmente tragico o ad “effetto”, evidente nel momento clou del suicidio in cui ci regala una scena elegante e senza inutili orpelli. Professionista.

Michela Pizzuti alias Marlene Overstreet: 7=                                                                                                                     Risente delle alte aspettative a lei riservate dopo la brillante performance dello scorso anno. Forse ci si aspettava più passione dall’unico personaggio che incontra l’amore e che per esso è pronto davvero a “cogliere l’attimo”, sfidando non solo una nemica ma la stessa paura di soffrire. Avrà scambiato la Welton per la sua cara caserma? Integerrima.

Fabiola Cichelli alias Maureen Pitts: 6+                                                                                                                                “Se per caso cadesse il mondo io mi sposto un po’ più in là”. Non essendo una parte di grande rilievo, non abbiamo avuto il piacere di approfondire le capacità di questa attrice. Ma ovviamente una “ricca di famiglia” come lei non ha bisogno di grandi sforzi! Nonchalance.

Martina Mollo alias Charlotte Dalton: 8+                                                                                                                     Geniale, esuberante, irriverente. Si impone prepotentemente e naturalmente sulla scena animando l’intero spettacolo con la sua spontaneità verbale e non verbale. È il personaggio che a mio parere mantiene più contatti con l’originale, consentendo un paragone a cui tiene testa egregiamente. Charlotte Dalton sul palco e nella vita.

Ivan Padrone alias John Keating: 7.5                                                                                                                                       La doppia veste di regista e attore protagonista si rivela una responsabilità non indifferente per il bravissimo Ivan, che sul palco è più preoccupato a “gestire” le sue giovani fanciulle che a concentrarsi sulla parte. Inutile ribadire la difficoltà del personaggio, nondimeno i monologhi complessi e particolareggiati che regge impeccabilmente. Sognatore.

Vanessa Di Santo alias Vicky Meeks: 7-                                                                                                                             Poche battute da cui si evince una discreta bravura e la capacità di essere davvero entrata nella parte. Un talento da approfondire, ma che convince. Lingua d’oro che taglia la foresta.

Daniela Spiridigliozzi alias Dafne Hager: 6.5                                                                                                                   Primo debutto per Daniela, che si rivela una piacevole sorpresa. Penalizzata dall’emozione e da qualche momento di panico, porta avanti una parte di marginale spessore riuscendo comunque a farsi notare in positivo. Perfetta collegiale.

Chiara Nicolella alias Lisa Anderson: 8                                                                                                                                     A lei il compito di interpretare la personalità più complessa nella sua diversità e più importante nel suo sviluppo psicologico. Lei è la “svolta”, ciò che ci resta quando il sipario si chiude definitivamente. La scena con Keating (“la verità è una coperta che lascia scoperti i piedi”) è tra le più intense, il suo barbarico YAWP memorabile. Il Capitano.

Flavia Petrucci alias Jenny Allister: 7+                                                                                                                    Nonostante il personaggio sia tra quelli aggiuntivi rispetto al film, questo si delinea perfettamente già dall’ inizio e trova il proprio spazio tra quelli di maggiore spessore o semplicemente già noti. Flavia è ironica, frivola ma incisiva e ci fa ridere con la sola mimica facciale. Mordace.

Simone Santoro alias Nathan Danburry: 7=                                                                                                                     Come la sua innamorata non ci rende troppo partecipi del suo conflitto interiore e dei suoi sentimenti. Ai nostri occhi ricopre un po’ troppo la parte del classico belloccio confuso e inconcludente. Casualità? Bersaglio sociale.

Roberta Panzini alias Roxanne Cameron: 6.5                                                                                                                              La parte della traditrice ha i suoi pro e i suoi contro. Roberta la affronta con carisma, che trovo un suo grande pregio, ma che inficia troppo la comprensione del personaggio. Politically correct.

Alessandra Cresci alias Chris Noel: 8-                                                                                                                                     La scena della zuffa ha attirato larghissimi consensi (come sul palco, così in piazza), anche e soprattutto per la bravura dell’attrice. Credibile e impostata come da copione, fa venire la curiosità di rivederla in vesti meno guerrigliere. Tanta invidia.

 

“Carpe Diem”, le pagelle dello spettacolo
5 (100%) 1 vote

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Martina Savo

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*