Home / Salute & Ambiente / Il coordinamento chiede a Sacco risposte veloci e fermezza

Il coordinamento chiede a Sacco risposte veloci e fermezza


Lunedì primo agosto il Coordinamento Emergenza Rifiuti Lazio Meridionale ha incontrato presso il palazzo comunale il Sindaco di Roccasecca, Avv. Giuseppe Sacco, e l’Assessore all’ambiente, Tommasino Marsella. La riunione è stata richiesta dalle associazioni, è stata accolta con piacere ed organizzata con celerità dal primo cittadino.

I motivi dell’incontro sono presto detti: in questa fase particolarmente delicata e a praticamente due mesi dall’insediamento, c’era l’urgenza di capire quali azioni intende portare avanti la nuova amministrazione per difendere il territorio. Inoltre, sentivamo  l’esigenza di avere aggiornamenti riguardo il processo di creazione del Coordinamento dei Sindaci.

Per quanto riguarda il primo argomento, nella fase iniziale è stata mostrata alle associazioni presenti tutta la recente documentazione sulle vicende ambientali del territorio ed è stato preso l’impegno di inviare tempestivamente ai comitati tutte le future relazioni.  A tal proposito il coordinamento ritiene gravissimo ed indecente l’ultimo documento dell’ARPA Lazio nel quale la stessa agenzia regionale evidenzia una confusione e una inadeguatezza senza limiti, affermando che ha effettuato le analisi sul sito di Cerreto non seguendo le  recenti linee guida dettate dall’Ispra bensì quelle di un precedente decreto legislativo , quello del 471/1999. Questo incredibile errore normativo ovviamente è invalidante del rapporto stesso.  Non è possibile giocare e scherzare sulla pelle dei cittadini, pretendiamo, quindi, che tutti i rappresentanti locali siano intransigenti chiedendo le dimissioni immediate dei vertici regionali e dei responsabili del procedimento. Sindaco e Assessore hanno ribadito più volte nell’incontro che a causa di questo errore procedurale il famigerato Rapporto Arpa e le successive valutazioni del Noe hanno perso di totalmente di valore perciò, a loro modo di vedere, non sussistono più le premesse tecniche e giuridiche per l’ordinanza di chiusura.

Il Sindaco Sacco, ci ha informato, inoltre, che  presenterà ricorso al Tar per quanto riguarda l’autorizzazione integrata del IV bacino della discarica e che si sta attivando per l’esecuzione di nuove analisi sul sito. Sul versante “politico” della vicenda, ovvero la scelta da parte della Provincia di Frosinone dell’elenco dei nuovi siti per l’individuazione di nuove discariche nel territorio Provinciale, si è in attesa della decisione di Pompeo che dovrebbe arrivare nel mese di settembre.

Sulla questione Coordinamento dei Sindaci, le associazioni hanno manifestato tutta la loro rabbia ed amarezza per una situazione che si trascina stancamente e a rilento da novembre. Siamo stufi di aspettare ed abbiamo dunque preteso un impegno a stretto giro dei primi cittadini: entro agosto questo strumento deve partire. Ogni giorno che passa è una sconfitta per le istituzioni, per il territorio, per la credibilità di tutti.  Coscienti della grande complessità della situazione, siamo da sempre convinti che l’unica strada per difendere nei tavoli provinciali e regionali il territorio sia un’azione corale.

Le proposte delle associazioni hanno riguardato anche  aspetti pratici pensiamo, infatti, sia importante la presenza dei vigili e delle forze dell’ordine sulle strade e nelle vicinanze dell’impianto, visto il percolato che spesso e volentieri i mezzi di trasporto lasciano sulle strade, riteniamo sia indispensabile una maggiore azione di contrasto e di verifica su tutte le procedure di gestione e manutenzione della discarica e su questi punti ci aspettiamo un’azione più decisa, efficace e pressante da parte dell’amministrazione Sacco.

Pur Condividendo e apprezzando il clima sereno e costruttivo dell’incontro, è bene sottolineare l’assoluta indipendenza e autonomia di pensiero dello scrivente coordinamento. Noi siamo sempre e solamente dalla parte dei cittadini e della tutela dell’ambiente: crediamo che i problemi vadano risolti con fermezza, raziocinio e coraggio, senza demagogia e populismi di ogni genere. Questa è la strada sulla quale ci stiamo muovendo e continueremo a farlo criticando o lodando di volta in volta le azioni che vanno o non vanno in questa direzione senza alcun timore reverenziale per nessuno.
Coordinamento Emergenza Rifiuti Lazio Meridionale

Il coordinamento chiede a Sacco risposte veloci e fermezza
5 (100%) 1 vote

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Lindifferenziato

Lindifferenziato

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.