Home / Cultura / Musica / Il “rock” non morirà mai…

Il “rock” non morirà mai…

Prendendo spunto da un articolo di Gino Castaldo su “La Repubblica”, che mi trova di tutt’altra opinione, cerchiamo di fare un punto sulla musica italiana, prendendo come selezione gli album usciti nel 2011.

Di quell’articolo certamente non accettiamo la struttura troppo didattica dell’argomento, facendo riferimento solo alle classifiche. Un’unica cosa posso dirvi, il movimento musicale indipendente  italiano vive un periodo di grande fermento. Ovviamente non consideriamo Vasco Rossi, Ligabue ecc… come artisti rock, non sono degni di tale etichetta.

Sopra tutti ci sono i già ampiamente citati da me, Verdena, che con il loro doppio cd Wow, ci hanno regalato un vero e proprio capolavoro.

La novità assoluta è rappresentata da I Cani. Progetto alquanto misterioso,  dove c’è stata una concentrazione di stampa sorprendente. I Cani non è altro che il nome d’arte di un giovane musicista romano, dal sound molto goliardico.

Ritorno con un grande album “Hermann” per Paolo Benvegnù (in foto). Tra i cantautori forse il più amato.

Sempre in campo di cantautori come non citare Giuseppe Peveri, ovvero Dente. “Io tra di noi” un album da ascoltare tutto di un fiato.

Cresciuti artisticamente invece sono i Zen Circus. Nel loro ultimo album riescono anche ad abbandonare una delle loro cifre stilistiche, il turpiloquio.

Chi si conferma è Caparezza, testi e musica molto apprezzabili come sempre. Anche per la sua provocatoria “Chi se ne frega della musica”.

Con “Marinai, Profeti e Balene” segna il 2011 anche un grande cantautore italiano, Vinicio Capossela.

Direttamente da Agropoli, in Campania arrivano i …A Toys Orchestra con il loro “Midnight (R)evolution”. Come per gli altri album pezzi completamente in inglese.

Sonorità folk punk per i Marta Sui Tubi, con “Carne con gli Occhi” segnano il loro quarto album.

Dal binomio Cesare Petulicchio e Adriano Viterbini, nel 2007 nascono i Bud Spencer Blues Explosion, una band alternative rock-blues. Dal loro ultimo album “Do it”, ecco “Più del minimo”.

Infine come non citare cantautori come Daniele Silvestri con “Scotch”, Cristina Donà con “Torno a casa a piedi”, Alessandro Mannarino con “Supersantos”, Nada con “Vamp”, Bugo con “Nuovi rimedi per la miopia”, oppure gruppi del calibro di 99 Posse con “Cattivi Guaglioni”, One Dimensional Man con “A better man”, 24 Grana con “La stessa barca”, Casino Royale “Io e la mia ombra”, fino alla novità dei Thegiornalisti con “Vol1”.

Questo solo per il 2011, ma in giro ci sono band come I Ministri, Le Luci della Centrale Elettrica, Offlaga Disco Pax, Tre Allegri Ragazzi Morti, Rezophonic, fino ad arrivare alla band del disco più atteso del 2012, Il teatro degli orrori.

Il rock è vivo e vegeto in Italia, è solo che bisogna cercarlo e coltivarlo. Oh Yeah!!!!

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Mauro Stracqualursi

Mauro Stracqualursi
"Bisogna sempre essere ebbri. Tutto è in questo:è l'unica questione. Per non sentire l'orribile peso del tempo.. che vi rompe le spalle e vi curva verso la terra... Dovete inebriarvi senza tregua.[...] Ma di che? Di vino,di poesia o di virtù,a Vostro talento. Ma inebriatevi. E se talvolta sui gradini di un palazzo, sull'erba verde d'una proda, nella solitudine tetra della Vostra camera, Vi destate, diminuita già o svanita l'ebbrezza, domandate al vento, all'onda, alla stella, all'uccello, all'orologio, a tutto ciò che sfugge, a tutto ciò che parla, domandate che ora è: ed il vento, l'onda, la stella, l'uccello, l'orologio, Vi risponderanno: E' l'ora di inebriarsi! Per non essere schiavi martoriati del Tempo, inebriatevi,inebriatevi senza posa! Di vino,di poesia o di virtù... a Vostro talento.." "Inebriatevi" - C. Baudelaire.

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*