Home / Politica / Terremoto Politico

Terremoto Politico

Il primo vincitore delle elezioni Regionali in Sicilia è stato già presentato sul L’Indifferenziato: è l’astensione, infatti in questa tornata elettorale si sono recati alla urne solamente il 47,42 % degli aventi diritto. Quando vince l’astensione è la politica che perde.

Al clima generale di sfiducia verso i partiti e verso la politica si è aggiunto il fatto che la classe dirigente dell’Isola è stata disastrosa: gli ultimi due governatori della Sicilia, Lombardo e Cuffaro, hanno perso la poltrona del potere per problemi con la giustizia e con la mafia. Come la tradizione italica vuole, però, entrambi restano “attivi”:  Totò Cuffaro si dice che continui a fare politica da Rebibbia, mentre Lombardo si è insediato indirettamente nelle liste di Miccichè. Inoltre circa una trentina di indagati, imputati e condannati hanno ben pensato di candidarsi di nuovo. Dal punto di vista economico   i costi della regione Sicilia sono enormi buchi neri e si è molto vicini al default della Regione. Tutto questo e molto altro hanno portato ad una sfiducia generale dei Siciliani. Più che sfiducia è stata una vera e propria nausea verso un determinato modus operandi.

Il secondo vincitore è il Movimento Cinque Stelle che diventa il primo partito dell’isola con il 14,70% dei voti. Ovviamente questo dato è strettamente collegato con i motivi elencati precedentemente. Probabilmente senza il candidato grillino l’astensione sarebbe stata addirittura maggiore. é una vittoria dell’antipolitica? Io non mi ritengo un elettore dei  5 stelle, però è indubbio che in Sicilia l’antipolitica sia stata quella che ha governato nel passato. Credo sia  sbagliato demonizzare, come è stato fatto per molto tempo dai partiti tradizionali, quel Movimento. Ogni Movimento per sua natura è monotematico. La politica per fermare quest’ondata ha solo un azione da fare: riconoscere che questo sistema sia malato e che alcune cose vadano fatte subito. Non sto dicendo che  bisogna copiare la demagogia che a volte si sente nelle parole del leader (esempio quotidiano non chiamateci onorevoli),  però si sente senza ombra di dubbio il desiderio di  RINNOVARE (non rottamare) i partiti.  Non sto dicendo che basta comunicare, non sto dicendo che i Partiti  non servono alla politica, non sto dicendo che parlare su un blog sia come governare. Sicuramente,però, non servono  neanche questi enormi carrozzoni fatti da personaggi sempre pronti a saltare da una poltrona all’altra. Servono,invece, gli ideali,  i progetti, la  trasparenza, l’etica, la giustizia sociale. Se si continuerà in questo modo, la campagna elettorale del 2013  ai 5 stelle  l’avranno fatta indirettamente e a loro insaputa, i vari Fiorito, Maurccio, Lusi, il Pdl,  l’Udc e tutta l’allegra compagnia. La percentuale del Movimento di Grillo è direttamente proporzionale agli scandali e agli abusi dei partiti.

I due fatti descritti precendentemente sommati portano alla terza semplice conclusione: la Seconda Repubblica è finita definitivamente. Sommando il dato degli astenuti al voto di Cancellieri si supera il 60%. Implica che tutti i partiti “tradizionali” hanno raccolto meno del 40% dei voti complessivi. Per dare un livello al terremoto politico che si è verificato basti pensare che nel 2006 il Pdl aveva raccolto da solo il 38% dei voti.

Chi è, però, il presidente della Regione Sicilia? Il presidente della Regione Sicilia è Rosario Crocetta, sostenuto da Pd e Udc,  che ha raccolto il 30,90 % dei voti. Il primo passo che dovrà compiere sarà quello di trovare  una maggioranza stabile ed eticamente accettabile.  Anche questa vittoria però è un fatto storico, in quanto tradizionalmente in Sicilia non è usuale trovare un candidato proveniente dal centrosinistra , dichiaratamente omosessuale, come numero 1 alla Regione. é altrettanto storico che diventi Presidente della Regione un candidato dichiaratamente antimafia. Arduo sarà il compito di trovare una maggioranza stabile e moralmente accettabile. Miccichè con i suoi uomini non rientrano in questa categoria per quanto mi riguarda. Inoltre un ultima considerazione, per raggiungere una vittoria a metà era davvero il caso di allearsi con lo stesso partito di Cuffaro e di Lombardo?

L’ultima considerazione riguarda quel che rimane del Pdl. Il partito si è sciolto nel corpo del Capo indiscusso e cosi in dieci anni si è passati dall’ 61 a 0  trascinati dal picciotto Dell’Utri ad un misero 12,5 %. Ora in quel che era il Partito dell’Amore è in atto una guerra interna senza esclusioni di colpi? A proposito ma la Mafia? L’ipotesi più probabile è che sia rimasta a guardare mandando un chiaro segnale a chi doveva capire. L’ultima volta che si è verificata una situazione simile è stato nel 1987: i voti della Democrazia Cristiana andarono al Psi di Martelli e Craxi. Dopo quell’elezioni fu ucciso Salvo Lima ed inizio l’epoca delle stragi. Speriamo sia solo una spiacevole coincidenza…

 

 

 

 

Terremoto Politico
Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.