Home / San Giovanni Incarico / Progetto Comenius

Progetto Comenius

Pubblichiamo l’articolo che ci ha inviato Marta Panza a nome del Comune di San Giovanni Incarico.

Può bastare una favola ad annullare le distanze tra i popoli? Evidentemente sì, se Pinocchio è riuscito a far incontrare tante persone provenienti da ben sette paesi europei, negli spazi della scuola elementare Salvo D’Acquisto a San Giovanni Incarico. A fare gli onori di casa nel terzo meeting previsto dal progetto Comenius, la dirigente scolastica Angela Roscia, il neo eletto assessore alla Pubblica Istruzione Paolo Fallone che ha fatto anche le veci del Sindaco Antonio Salvati impegnato presso l’Amministrazione provinciale, e l’assessore uscente Fernando Fallone che nel corso degli anni ha intessuto  e curato ottimi rapporti con le istituzioni scolastiche.  “Le favole e le leggende sono la connessione culturale e di interazione tra i popoli attraverso l’Europa”: questo è lo spirito del progetto Comenius  realizzato dal secondo circolo didattico di Pontecorvo diretto da Angela Roscia, in collaborazione con le Amministrazioni comunali ed i partner dei paesi europei coinvolti, Portogallo, Polonia, Germania, Finlandia, Turchia, Inghilterra e Italia. Nel nostro territorio il progetto prevde una cinque giorni: dal 15 al 20 maggio. Mercoledi 16 è stata la volta di Pontecorvo, mentre nella giornata di giovedi l’evento ha riguardato i bambini della scuola elementare di San Giovanni Incarico. Per ognuno degli incontri è stato scelto un tema centrale a fare da trait d’union tra le diverse nazionalità “con la finalità – come ha illustrato la dottoressa Roscia – di mettere sì in risalto le differenze tra i popoli nel rispetto delle diverse culture, puntando però all’uguaglianza tra i popoli. Un progetto reso possibile soprattutto grazie alla collaborazione delle Amministrazioni comunali, che mi preme ringraziare – ha detto la dirigente scolastica – nelle persone dei Sindaci Antonio Salvati di San Giovanni Incarico e Michele Notaro di Pontecorvo, e degli assessori alla Pubblica Istruzione e alla Cultura delle due municipalità, Paolo Fallone, Elisa Ugaldi e Stefano Longo”.

Le delegazioni provenienti dai diversi paesi partner del progetto sono state ricevute nelle due sale consiliari, dove tutti hanno espresso parole di condivisione per iniziative di questo genere dall’alto valore culturale, che oltre ad annullare le distanze tra le genti, hanno contribuito a portare i nomi di Pontecorvo e San Giovanni Incarico alla ribalta europea. In particolare il neo eletto Assessore alla Pubblica Istruzione del centro lacustre Paolo Fallone, ha evidenziato l’orgoglio per la cittadinanza sangiovannese e per tutta l’Amministrazione comunale, nel ricevere tra la propria comunità cittadini di altre nazionalità, forti tra l’altro, della progettazione europea già in corso sul territorio di San Giovanni Incarico con cui si è data attuazione all’accoglienza ed integrazione dei cittadini extracomunitari.

Ai momenti ufficiali si sono alternate le visite nelle scuole ed un nutrito programma di manifestazioni artistiche legate al tema prescelto per il meeting, in cui tutti i partecipanti sono stati invitati a partecipare attivamente al momento di festa, conclusosi – dopo la “Fly Dance” delle terze classi, la “Pinocchio’s Story” delle quarte classi, il “Peppies and Ducks” delle classi seconde, ed il “Quack Quack Dance” delle prime classi- con il “Saltarello Dance” delle classi quinte. L’intrattenimento musicale è stato curato dal sempre presente Paolo Tibello. L’intenso programma di visita (che continuerà con un tour a Gaeta, Sperlonga, Montecassino e Roma), e le belle iniziative promosse dalla scuola sono state possibili grazie al lavoro svolto dalla referente del progetto Patrizia Rocco, ed all’impegno profuso da tutti i docenti del II° Circolo di Pontecorvo”.

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*