Home / Notizie esterne / Roccasecca, sequestra una donna e la stupra per ore: 72enne ai domiciliari

Roccasecca, sequestra una donna e la stupra per ore: 72enne ai domiciliari

Violenza sessuale, sequestro di persona, rapina e lesioni personali. Queste le gravi accuse che hanno portato all’arresto di un 72enne di Roccasecca, in provincia di Frosinone. Non in carcere, però: il magistrato ha preferito disporre gli arresti domiciliari vista l’età dell’uomo. Quella stessa età che non è stata un problema quando si è trattato di sequestrare una donna per oltre 7 ore e di stuprarla ripetutamente.

La vittima è una donna romana di 46 anni, finita nelle grinfie dell’uomo per uno strano scherzo del destino: era salita su un treno che dalla stazione Termini di Roma doveva portarla a Ciampino, ma nel tragitto si è addormentata e si è risvegliata quando ormai il treno era arrivato a Roccasecca.

Una volta lì è stata avvicinata dall’anziano, residente a pochi passi dalla stazione, che si è offerto di accompagnarla a ricaricare il telefono cellulare ed ospitarla in casa in attesa dell’arrivo del treno successivo. Lei, vista la gentilezza dell’uomo, ha accettato. E l’incubo è iniziato poco dopo.

Non appena arrivati in casa, l’anziano ha preso un coltello, minacciandola di morte, l’ha derubata, picchiata e violentata ripetutamente. Poi, dopo 7 ore, la 46enne è riuscita a fuggire ed è stata soccorsa da una passante che l’ha accompagnata in caserma per denunciare il tutto.

Immediato il ricovero all’ospedale di Cassino, mentre i militari sono risaliti all’uomo in pochi minuti. Nella sua abitazione è stata ritrovata la sciarpa della vittima ed alcune tracce di sangue, elementi sufficienti a far scattare l’arresto.

Lui, padre di tre figli e con precedenti per maltrattamenti in famiglia, si trova ora agli arresti domiciliari su disposizione del magistrato.

 

Da: http://www.crimeblog.it/post/9443/frosinone-sequestra-una-donna-e-la-stupra-per-ore-72enne-ai-domiciliari

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Mirco Zurlo

Mirco Zurlo
"Quando non si conosce la verità di una cosa, è bene che vi sia un errore comune che fissi la mente degli uomini. La malattia principale dell'uomo è la malattia inquieta delle cose che non può conoscere; e per lui è minor male essere nell'errore che in quella curiosità inutile".

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*