Home / Sport / Messi, sono tre!

Messi, sono tre!

Ancora Lionel Messi!! Per il terzo anno consecutivo è il campione del Barcellona a vincere il pallone d’oro.

Sembra banale affermare che il titolo è più che mai meritato, qualcuno lo paragona all’ eterno rivale C.Ronaldo (campione del Real Madrid), ma la differenza al momento sembra evidente. Il campione argentino è il pezzo pregiato di una delle squadre più forti di sempre. Con il Barcellona da qualche anno domina in Spagna e in Europa. Segna molto frequentemente e il suo modo di giocare fa innamorare la maggior parte degli appassionati di calcio.Molti lo paragonano a Maradona e le somiglianze non mancano di sicuro. Entrambi argentini, baricentro basso, grande velocità, ma soprattutto la fantastica capacità di trovare la soluzione giusta in ogni occasione. Famosa la citazione proprio di Maradona che durante un intervista disse: “Il pallone gli resta incollato al piede;ho visto grandi giocatori nella mia vita, ma nessuno con un controllo di palla come quello di Messi” .

Per arrivare al livello della ” Mano de Dios” probabilmente alla pulce manca ancora qualcosa, ad esempio essere protagonista anche con l’ Argentina. Questa è l’unica pecca di Messi, con la sua nazionale non riesce ad esprimersi ad alti livelli. Soffre molto quando è in campo con la Seleccion, ma invertire la tendenza non è impossibile, il ragazzo è nato il 24 giugno 1987, è molto giovane ed ha ancora malti anni di carriera avanti a se. Notizia di pochi giorni fa è una “strana” intervista di Messi che raccontava di come si trovava bene al Barça, ma allo stesso tempo di avere il sogno di finire un giorno la carriera in Argentina, la sua terra natia. Gli intenditori di calcio sperano che il momento dell’addio di Messi dal calcio europeo avvenga il più tardi possibile, talenti come la pulce sono rari se non unici. Godiamoci le sue magie finché ne abbiamo la possibilità.

Di seguito alcune fantastiche giocate di Lionel Messi:

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Luca Petrucci

Luca Petrucci

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*