Home / Cultura / Musica / London calling… Parte 1

London calling… Parte 1

Un affresco musicale della storia del rock & roll a Londra, tra le sue sontuose e magnifiche strade.

carnaby-street-shop

Prendiamo un double decker nella Primavera 1958, quando Ian “Sammy” Samwell chitarrista dei “Drifters”, il gruppo di Cliff Richard di quei tempi, divenuti poi “The Shadows”, prendeva il 715 per andare a provare a casa di Richard, che ancora si chiamava Harry Rodger Webb, e componeva questa canzone:

Cliff Richard – “Move it”
Cliff Richard è considerato l’Elvis inglese, l’inventore del Rock and Roll in Inghilterra. John Lennon diceva: “prima di Cliff non c’era nulla di buono da ascoltare in Gran Bretagna e Move It è la prima canzone di rock and roll scritta in Gran Bretagna”. Harry Webb si fece chiamare Cliff Richard in onore di Little Richard, uno dei suoi idoli insieme a Elvis Presley.
Ian “Sammy” Samwell, l’autore di questa canzone, non ebbe molta fortuna, ma avviò al successo Richard.  Fu poi sostituito dal grande Hank Marvin.
I “The Shadows”, prima dell’avvento del rock & roll suonavano anche loro lo Skiffle, mix di jazz, blues, folk e swing, anche con strumenti improvvisati, così anche come Jimmy Page. C’erano tutti locali di Londra, anni 50, che in quel periodo vivevano il passaggio dallo skiffle verso la nuova musica che c’era nell’aria. Il testo di “Move it” dice: “In giro ragazzi, baby, stai attenta  perché in giro c’è una nuova cosa che sta girando, che ci sta facendo muovere tutti quanti, anche tu devi muoverti a questo ritmo qua. E’ il rock & roll!
Il locale dove loro erano resident band era il “The 2i’s Coffee Bar”, fondato da due fratelli  iraniani al 59 di Old Compton Street a Soho. Il locale rimase aperto tra il ’56 e il ’70. Ora lì c’è una targa verde, della Westminster City, dove è impresso “questo è il luogo di nascita del rock & roll britannico”. 
250px-2isx
Rimaniamo a Soho, ma qualche anno dopo. Un altro locale molto famoso, la culla di tutta l’ondata folk revival degli anni sessanta inglese, il club “Les Cousins”, un folk club che si trovava a Greek street, una strada così chiamata per l’immagrazione di molti greci. Nel locale si esibivano praticamente tutti. Da Alexis Korner a Roy Harper, da Sandy Danny a Al Stewart, Bob Dylan, Paul Simon ecc… poi l’ondata con Cat Stevents, Nick Drake. Soprattutto suonavano due personaggi che avrebbero fatto la storia del folk rock britannico: Bert Jansch e John Renbourn. Jimmy Page soleva dire: “sopra di me Bert Jansch e Jimy Hendrix, loro sono di un altro pianeta, irraggiungibili”.

Bert Jansch e John Renbourn – “Soho”

Il sublime intreccio delle due chitarre di Jansch e Renbourn molto particolore, e in quegli anni diedero vita allo stile folk chiamato folk baroque, suonando senza plettro e con una tecnica eccelsa. A Londra nella metà degli anni sessanta era questa la musica che si ascoltava e che si voleva ascoltare. Il blues era appena arrivato con le tournée dei grandi artisti americani, su tutti Muddy Waters.

Rimaniamo nel 1966, ma ci spostiamo leggermente verso la periferia, costeggiamo Marble Arch, Lancaster Gate e arriviamo a Notting Hill. Prendiamo la Ladbroke Grove e troviamo Portobello. Il mitico Portobello market, la via multiculturale per eccellenza e anche della controcultura e dell’underground londinese. Cat Stevens sul retro del suo primo 45 giri del 1966, ” I Love My Dog” omaggiò Portobello road.

Cat Stevens – “Portobello road”

Il tributo ad una delle strade più importanti del mondo, dove i ragazzi maggiormente negli anni sessanta si incontravano per suonare, organizzare pieces teatrali, gruppi d’improvvisazione, con musica, teatro, cinema, arte. Un locale molto particolare era l’ “Henekey’s”, che prese la nuova denominazione  “Earl of Lonsdale” nel 1979, in pratica era la casa di tutti gli artisti della pop art. Si potevano incontrare da David Hockney a Peter Blake, attori del calibro di Julie Christie e Peter Sellers, come musicisti i Grateful Dead o a fine anni settanta i The Clash.

Lasciamo Portobello road, e arriviamo a coloro che più di tutti cavalcarono l’ondata inglese, sia del Beat prima, e poi della psichedelia, però rimanendo sempre su una posizione critica, satirica, diversa dagli altri gruppi, perché non si fecero mai affascinare dalle mode, del conformismo, e dalle posizioni degli altri gruppi: i The Kinks. Fu il gruppo che più di tutti riuscì a fotografare al momento giusto i vizi e le virtù della società britannica, ma anche dei loro coetanei. Sempre nel 1966 fecero uscire “Dedicated follower of fashion”, dove criticavano apertamente il mondo della moda della Carneby street, il top del momento.

The Kinks – “Dedicated follower of fashion”

“Lui pensa di essere un fiore d’ammirare, e quando s’aggiusta i suoi frivoli pantaloni di nylon ben attillati, pensa di essere un servente seguace della moda, a Regent street a Leicester square, ovunque, marcia la truppa dei carnabiani. Ciascuno servente seguace della moda.”

C’è un parco che è rimasto nella storia del rock & roll, è quello cantato dagli Small Faces, il gruppo mod per antonomasia che se la batteva con gli Who, e nel 1967 ci fu un traghettamento verso l’era psichedelica.

The Small Faces – “Itchycoo Park”

Questa canzone fu bandita dalla BBC perché parlava quasi apertamente dell’uso di sostanze stupefacenti. Qualche anno fa a Carnaby street inaugurarono una targa di ringraziamento, per la carriera musicale, agli Small Faces, essendo diventati una band di culto per i mod.

Continua…

Fonte: RaiRadio2, http://www.mobydick.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-ec8b3050-c39c-4152-b89b-61ac43cb8ac0.html

London calling… Parte 1
5 (100%) 2 votes

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Mauro Stracqualursi

Mauro Stracqualursi
"Bisogna sempre essere ebbri. Tutto è in questo:è l'unica questione. Per non sentire l'orribile peso del tempo.. che vi rompe le spalle e vi curva verso la terra... Dovete inebriarvi senza tregua.[...] Ma di che? Di vino,di poesia o di virtù,a Vostro talento. Ma inebriatevi. E se talvolta sui gradini di un palazzo, sull'erba verde d'una proda, nella solitudine tetra della Vostra camera, Vi destate, diminuita già o svanita l'ebbrezza, domandate al vento, all'onda, alla stella, all'uccello, all'orologio, a tutto ciò che sfugge, a tutto ciò che parla, domandate che ora è: ed il vento, l'onda, la stella, l'uccello, l'orologio, Vi risponderanno: E' l'ora di inebriarsi! Per non essere schiavi martoriati del Tempo, inebriatevi,inebriatevi senza posa! Di vino,di poesia o di virtù... a Vostro talento.." "Inebriatevi" - C. Baudelaire.

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.