Home / Cultura / Musica / Le canzoni più belle... / The Killers, le 10 canzoni più belle

The Killers, le 10 canzoni più belle

Quattro anni dopo il loro ultimo album, Day & Age del 2008, i “The Killers” hanno annunciato il titolo del prossimo lavoro in uscita molto probabilmente in autunno, “Battle Born”. La band di Las Vegas è composta dal leader e cantante Brandon Flowers, che dopo la parentesi da solista di “Flamingo” del 2010 è pronto di nuovo a immergersi nel sound tipicamente “alternative rock” del gruppo. Il quartetto è completato dal bassista Mark Stoermer, dal chitarrista Dave Keuning e dal batterista Ronnie Vannucci. Il nome della band deriva da un video dei “New Order” intitolato Crystal, in cui è presente una band fittizia, appunto denominata The Killers. Una delle maggiori fonti d’ispirazione musicale del gruppo sono sicuramente le sonorità tipiche degli anni Ottanta e in particolare della new wave. 

I “The Killers” finora hanno al loro attivo tre album, “Hot Fuss” del 2004, “Sam’s Town” del 2006 e “Day & Age” del 2008, oltre una raccolta di b-sides e cover, “Sawdust” del 2007.

Ecco la «top ten» dei “The Killers”. Buon ascolto!

10. All The Pretty Faces (Sawdust, 2007)

9. For Reasons Unknown (Sam’s Town, 2006)

8. Spaceman (Day & Age, 2008)

7. Read My Mind (Sam’s Town, 2006)

6. Mr. Brightside (Hot Fuss, 2004)

5. All These Things That I’ve Done (Hot Fuss, 2004)

4. A Dustland Fairytale (Day & Age, 2008)

3. When You Were Young (Sam’s Town, 2006)

2. Smile Like You Mean It (Hot Fuss, 2004)

1. Somebody Told Me (Hot Fuss, 2004)

A presto con una nuova classifica.

The Killers, le 10 canzoni più belle
3 (60%) 2 votes

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Mauro Stracqualursi

Mauro Stracqualursi
"Bisogna sempre essere ebbri. Tutto è in questo:è l'unica questione. Per non sentire l'orribile peso del tempo.. che vi rompe le spalle e vi curva verso la terra... Dovete inebriarvi senza tregua.[...] Ma di che? Di vino,di poesia o di virtù,a Vostro talento. Ma inebriatevi. E se talvolta sui gradini di un palazzo, sull'erba verde d'una proda, nella solitudine tetra della Vostra camera, Vi destate, diminuita già o svanita l'ebbrezza, domandate al vento, all'onda, alla stella, all'uccello, all'orologio, a tutto ciò che sfugge, a tutto ciò che parla, domandate che ora è: ed il vento, l'onda, la stella, l'uccello, l'orologio, Vi risponderanno: E' l'ora di inebriarsi! Per non essere schiavi martoriati del Tempo, inebriatevi,inebriatevi senza posa! Di vino,di poesia o di virtù... a Vostro talento.." "Inebriatevi" - C. Baudelaire.

2 Commenti

  1. Panz

    dov’è finito Lester??

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*