Home / Salute & Ambiente / Emergenza Rifiuti, ora i compattatori arrivano da Latina.

Emergenza Rifiuti, ora i compattatori arrivano da Latina.

Articolo tratto dal sito del Corriere della Sera, al link: http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/13_agosto_5/colfelice-rifiuti-rivolta-anti-latina-2222488862638.shtml

COLFELICE (Frosinone) – Stop ai camion da Roma, ora arrivano quelli da Latina. E a Colfelice, nel Frusinate, scattano nuove proteste. Lunedì mattina quattro-cinque camion con la spazzatura della provincia di Latina sono rimasti bloccati all’ingresso dell’impianto tmb gestito dalla Saf in seguito a un sit-in dei residenti della zona, adesso contrari al conferimento nel sito di Colfelice dell’immondizia proveniente dalla provincia pontina. La protesta, che segue quelle contro i rifiuti di Roma esplose all’inizio di aprile dopo la firma del decreto da parte dell’allora ministro dell’Ambiente Corrado Clini per fronteggiare l’emergenza a Roma, è stata attuata dai Comitati che da mesi lottano per evitare il trasferimento dei rifiuti da altre province perché preoccupati dei possibili risvolti negativi per la salute degli abitanti e la tutela dell’ambiente.

 NUOVI BLOCCHI – Stavolta a scatenare la reazione degli abitanti è stato l’arrivo di decine di tonnellate di rifiuti dalla provincia pontina, da dove ogni giorno ne dovrebbero arrivare circa cinquecento. I compattatori sono stati bloccati all’ingresso del sito per un paio d’ore. I manifestanti hanno desistito solo dopo l’arrivo delle forze dell’ordine. «E’ stata una cosa improvvisa – spiega il sindaco di Colfelice, Bernardo Donfrancesco – e siamo di nuovo alle prese con questi problemi. Dovrebbe trattarsi però, così almeno ci è stato garantito, solo di una questione di qualche giorno perché a Latina ci sarebbe un problema con la discarica locale che non accetta i rifiuti. Vigileremo con molta attenzione perché se questo trasferimento di immondizia dovesse andare avanti per molto, non avremmo incertezza ad attuare nuove proteste».
 rifiuti_discarica_impianto_312x234
AL SERVIZIO DELLA CIOCIARIA – I Comitati di zona restano sul piede di guerra. «L’impianto di Colfelice – aggiunge Fabrizio Di Cioccio , rappresentante di uno dei Comitati anti rifiuti – non può essere la soluzione di tutti i problemi relativi all’immondizia della regione Lazio. Il nostro impianto è a servizio dei comuni della Ciociaria e non siamo disposti ad accettare ancora l’arrivo di rifiuti da fuori provincia».

NO CAMION DA ROMA – Ma ci sono anche buone notizie per gli abitanti di Colfelice e del comprensorio. Da oggi non arrivano più i rifiuti da Roma. Per quattro mesi a Colfelice sono stati conferite 420 tonnellate di spazzatura al giorno provenienti dalla Capitale. Una vicenda che ha determinato un duro scontro a suon di esposti e ricorsi al Tar e in Consiglio di Stato per impedire l’arrivo dei compattatori dell’Ama. Da oggi, dunque, i rifiuti di Roma non arrivano più in Ciociaria e, almeno questo, fa gioire sindaci e abitanti della zona. La novità era stata annunciata nei giorni scorsi durante una riunione con l’assessore regionale all’Ambiente Michele Civita. «Chiediamo ai sindaci – conclude Di Cioccio – di difendere il territorio perché anche l’arrivo di altri rifiuti da Roma non è ancora del tutto scongiurato»

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*