Home / Sport / Frosinone, La Berretti è campione d’Italia!

Frosinone, La Berretti è campione d’Italia!

Non è uno scherzo, cari lettori, il Frosinone Calcio si è laureato campione d’Italia nella categoria Berretti! La vittoria del campionato fa entrare i ragazzi di Coco e Stellone nella storia, infatti questo è il primo successo sia nel campionato Berretti che a livello assoluto. In passato i canarini erano andati vicini all’obiettivo nel 1972 ma in quell’occasione erano stati battuti dal Padova in finale.

Dopo due stagioni negative per i giallo-blu a livello di prima squadra arriva finalmente una vittoria di prestigio che fa ben sperare per il futuro della società. Finalmente si è intrapresa la strada giusta: quella di puntare sul settore giovanile. A poco a poco questo è diventato il fiore all’occhiello della società presieduta da Maurizio Stirpe. Un lavoro lungo, faticoso e certosino svolto in particolare  modo da Ernesto Salvini. La finale si è svolta sabato 2 giugno allo stadio Brianteo di Monza dove il Frosinone ha affrontato il Cuneo. La partita è terminata con il risultato di due a zero, con reti di  Paganini e Campagna in gol rispettivamente al 5’ del primo tempo  in mischia e al 35’ della ripresa  con un delizioso pallonetto.

Ecco il tabellino della partita

CUNEO: La Mantia, Ladogana, Muceli (dal 12’ st Borettaz), Cristini, Quitadamo, Palazzolo (dal 2’ st Piscionieri), Coccolo, Calorio, Naturale, Begolo, Valfrè (dal 29’ st Todella). (Galllino, Cornaglia, Spada, La Caria). All. Malabaila.

FROSINONE: Fiorini, Frabotta, Amelio, Gori, Rea, Formato, Rotondi (dal 17’ st Salvi), Crescenzi, Cretaro (dal 1’ st Campagna), Altobelli, Paganini (dal 40’ st Evangelisti). (Palombo, Casalese, Regolanti, De Vivo). All. Coco-Stellone.

ARBITRO: Caso di Verona.

RETI: Paganini al 5’pt, Campagna al 35’ st.

I campioni d’Italia sono stati ricevuti in settimana dal neo Sindaco Ottaviani che ha ringraziato i ragazzi per aver portato in alto il nome della città e ha anche aggiunto che” l ‘amministrazione ha ora l’obbligo di ristrutturate i campi sportivi ad iniziare dal Casaleno sino alle strutture dove poter far crescere i vivai. Posso fin d’ora promettere che faremo un tavolo comune con la società di calcio del Frosinone per definire, una volta per tutte, la vicenda stadio Casaleno che si trascina da anni». Mister Stellone, visibilmente soddisfatto ha invece dichiarato «L’obiettivo iniziale era quello di valorizzare i giovani , invece poi mi sono reso conto che potevamo vincere il campionato. Con il 3 a 1 sul Lanciano ho capito che l’obiettivo era a portata di mano. Ha vinto la squadra che aveva più fame di vittorie. Il responsabile Salvini guardando al futuro ha invece pronosticato che 6-7 elementi faranno parte della prima squadra nella prossima stagione.Gli elementi che più si sono messi in mostra in questo campionato sono sicuramente l’attaccante Luca Paganini che ha segnato ben 18 goal, il suo compagno di reparto Leandro Campagna, il capitano   Altobelli Daniele, Rea Simone e  Rotondi Kevin.

Frosinone Berretti  campione d'Italia

Ecco tutti i componenti della rosa:

ALTOBELLI DANIELE,BAILONNI OSCAR,BONI ITALO,BORNORONI ANTONIO,CAMPAGNA LEONARDO,CASALESE MATTIA,CIAMMETTI LUCA,CRESCENZI ENRICO,CRETARO NICO,DE VIVO RODOLFO,D’EPIFANIO FABIO
EVANGELISTI LORENZO,FIORINI SIMONE,IACOBONE MARCO,NOTO MATTIA,ONORATI LUCA,PAGANINI LUCA,PALOMBO DAMIANO,POMPEI ALESSIO,REA SIMONE,REGOLANTI GIULIANO,ROTONDI KEVIN,SALVI MATTEO
TUFI FRANCESCO.

Speriamo che questo successo porti nuova linfa al calcio ciociaro, mostrando la via maestra, ovvero puntare in maniera chiara e decisa sulle scuole calcio e sui settori giovanile.Solo lavorando professionalmente in questo ambito si potrà risollevare il calcio in Ciociaria, vista la difficile situazione economica che si vive.

 

 

fonte:http://www.calciolazio.com/component/content/article/146-berretti/4209-frosinone-berretti-un-tricolore-che-fa-storia.html

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

2 Commenti

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*