Home / Attualità & Economia / Terremotati e migranti: Vuoi più bene a mamma o papà?

Terremotati e migranti: Vuoi più bene a mamma o papà?

Terremotati e migranti: se anche voi non ne potete più di post, nella maggior parte dei casi fake, che contrappongono, in un’assurda guerra tra poveri, chi scappa su un barcone e chi è stato vittima di un terremoto, ho pensato un prontuario semiserio, ovvero stupido, da contrapporre a tali argomentazioni.

P.s Ci sarebbero teorie economiche, dati istituzionali, logica, umanità e deduzioni ma tutto questo non va troppo di moda nell’Italia del 2019


Bufala: Terremotati e migranti
  1. Si parte con il grande classico per eccellenza: vuoi più bene a mamma o a papà?
  2. Cambiando argomento, in seconda posizione c’è una triste conoscenza: preferisci morire di fame non lavorando o morire lavorando a causa dell’inquinamento?
  3. Si va sui traumi/infortuni: preferisci romperti un dito della mano o uno del piede? Oppure e qui si va un po’ sul personale: lesione al legamento della spalla o a quello della caviglia?
  4. Categoria Animali: compriamo le crocchette per il cane o per il gatto? Corollario: chi facciamo morire di fame il felino o il migliore amico dell’uomo?
  5. Categoria Sport: 82 o 2006?
  6. Affine al punto 1, ma in ambito sanitario, curiamo il nonno o la nonna? Da utilizzare quando le discussioni arrivano fino all’ambito sanitario e al curiamo “Prima gli Italiani”.
  7. Educazione: preferisci imparare a leggere o scrivere?
  8. Sventure mattutine: gradisci di più sbattere il mignolo allo spigolo o svegliarti e non trovare l’acqua calda?
  9. Categoria trash: peggio La D’Urso o il Grande Fratello?
  10. Estremi geografici: preferisci morire nel deserto a 50 gradi o in Siberia a -40?

Tornando seri, invece, la parola definitiva su questa vicenda è quella di Francesco Pastorella, coordinatore dei Comitati Terremoto Centro Italia, coordinamento che racchiude 114 realtà di tutte le Regioni colpite dal Sisma. Intervistato da Fan Page, si è così espresso.

Siete soddisfatti delle misure proposte dal governo Conte sul terremoto? Sono state accolte le richieste dei terremotati?

Ad oggi nessuna delle promesse che Salvini e Di Maio ci avevano fatto in campagna elettorale sono state rispettate: nessun incentivo per l’occupazione nelle aree terremotate, nessuna No Tax area come avevamo richiesto, non è stato approvato un reddito di cratere per sostenere le persone più in difficoltà, nessuna misura per supportare il turismo nelle regioni coinvolte dai terremoti e nessun aiuto psicologico alle persone colpite dal sisma, tranne quello volontario di associazioni e terremotati stessi. Non è stato neppure suddiviso il cratere in aree a cui dare la priorità in base ai danni subiti. Nulla è stato fatto, e le promesse che hanno garantito consenso a Lega e Cinque Stelle anche in questo territorio sono rimaste sulla carta. Eppure molti terremotati avevano riposto in loro molte speranze, come testimoniano perfettamente i consensi conseguiti dal governo nel cratere.

Il Ministro Salvini contrappone il dramma dei migranti a quello dei terremotati. Come giudicate questa operazione? Avete notato una discontinuità rispetto al governo precedente?

Non partecipiamo alla guerra tra migranti e terremotati, che è una guerra tra poveri che non ci interessa. Noi abbiamo i nostri gravi problemi da risolvere e ci aspettiamo che il governo mantenga fede agli impegni presi coerentemente a quanto da loro stessi rimproverato ai precedenti governi. Non è stato varato nessun provvedimento che soddisfacesse le nostre richieste: sono state risolte solo piccole problematiche e difformità, ma nulla di importante e strutturale. Avevamo chiesto una zona franca per sostenerle piccole imprese e i lavoratori del territorio, avevamo chiesto un reddito di cratere. Ad oggi nulla è stato fatto. Siamo estremamente delusi, ma non ci arrenderemo.

Su Open, invece un ottimo speciale che da voce agli abitanti delle zone colpite dal terremoto, tra le quali troviamo Sonia: ” «Io mi sento offesa», dice Sonia. Ha un agriturismo alle porte del paese. «Mi dispiace che venga usata la nostra realtà per confrontarci con gente che è ancora più disgraziata di noi», dice guardando le foto false di Amatrice postate da alcuni utenti on line contro i migranti. Il 30 ottobre «il terremoto ci ha buttato giù le stalle. Era mattina. La sera stavamo già mungendo, per strada. La vita e la terra non si fermano. Dobbiamo ricominciare dal nostro territorio». 

Terremotati e migranti: Vuoi più bene a mamma o papà?
5 (100%) 1 vote

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.