Home / Attualità & Economia / La storia ci chiede il conto

La storia ci chiede il conto

” I politici sono i camerieri dei banchieri” Erza Pround

Questi giorni hanno dimostrato in maniera inequivocabile la veridicità di questa affermazione e purtroppo ci hanno ricordato,ancora una volta, che siamo noi quelli che dobbiamo lavare i piatti sporchi del banchetto dei potenti. Nella definizione comune di politico, sicuramente, troviamo come caratteristica l’enorme capacita oratoria volta a nascondere la verità e i difetti. Ora  in questo tempo di crisi questa “simpatica caratteristica” non serve più, perchè tutti sanno che i numeri, specialmente quando indicano denaro, nella loro massima razionalità e freddezza non amano le bugie e le mezze verita. Ed è cosi, che la politica diventa subordinata in maniera indiscutibile all’economia. Sia chiaro, che vista la profonda incompetenza della nostra classe dirigente,non è questo un male assoluto. Meglio stare nelle mani di Draghi e Trichet che affidare il destino della settima economia mondiale a Calderoli, Romano,Tremoti,Brunetta e tutta l’allegra brigata.

La politica in questo particolare e delicatissimo periodo è attaccata sia dall’alto, cioè dal mondo economico, sia dal basso,ovvero dalla crescente e giustificata insoddisfazione del popolo che è stufo dell’eterne promosse. Il rischio che si corre è evidente: un pericolosissimo vuoto di potere che può incrinare gli equilibri delle democrazie a rischio recessione. La manovra approvata  è una risposta  troppo debole ed è soprattutto sbagliata nella sua logica: non possiamo eternamente tagliare nei servizi basilari ai cittadini che oltre a pagare di più riceveranno di meno. Quando in Italia si decidera una volta per tutte di combattere in maniera drastica l’evasione fiscale e il lavoro nero? Quando si debelleranno, in maniera definitiva, i fenomeni mafiosi che sottraggono milioni e milioni di euro allo stato? Quando ci saranno nuove liberalizzazioni che daranno linfa all’economia.

Il conto che ci apprestiamo a pagare è molto salato e la cosa drammatica è che continueremo a pagare noi giovani gli  enormi errori del passato. Nei giorni della manovra lacrime e sangue, dei tagli ai comuni e alle province, dei sacrifici per il pareggio del bilancio è bene ricordare alcuni slogan che hanno riempito le piazze in questi anni..

1994

 

1995

 

 

1999

 

 

2000

 

 

 

2004

 

 

 

 

 

Tommaso Padoa-SchioppaConcludo l’articolo con la citazione di Tommaso Padoa-Schioppa, uno dei piu grandi economisti degli ultimi anni che purtroppo è venuto a mancare nel 2010; l’allora ministro dell’economia non si preoccupò di perdere qualche punto nei sondaggi elettorali con questa affermazione: “La polemica antitasse è irresponsabile. Dovremmo avere il coraggio di dire che le tasse sono una cosa bellissima e civilissima, un modo di contribuire tutti insieme a beni indispensabili come la salute, la sicurezza, l’istruzione e l’ambiente”.

 

fonte: http://informarexresistere.fr/2011/08/14/meno-tasse-per-tutti-dedicato-a-tutti-quelli-che-channo-creduto/

 

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*