Home / Sport / Europa League: ma come si può?

Europa League: ma come si può?

Ormai è diventato un appuntamento fisso, le squadre italiane hanno preso gusto a far figuracce in Europa. Per quanto riguarda la Champions c’è l’ attenuante della caratura dei vari club, si sfidano le realtà più importanti dei maggiori campionati europei e una sconfitta ci può anche stare. Il vero problema è l’ Europa League!! Fino a pochi anni fa l’Italia era ai vertici delle classifiche, il campionato italiano veniva definito: il più bello, il più difficile e il piu ambito dai grandi calciatori. Con il passare degli anni tutto è andato scemando, l’Italia ha perso più di un posto nel ranking Uefa e da qui è andato perduto tutto il fascino acquisito negli anni precedenti. La classifica prima citata si basa sui punteggi fatti registrare dalle squadre dei paesi per le quali esse giocano nelle sfide internazionali, ed è qui che entra in ballo il discorso Europa League. Ogni anno i nostri club vengono eliminati nella fase a giorni o addirittura, come è successo quest’anno al Palermo, nel primo turno preliminare. Inaccettabile che squadre di media fascia italiane siano sconfitte da club sconosciuti dell’ est-Europa o comunque di campionati di gran lunga inferiori. Viene a tal punto spontanea la seguente domanda: come si può affrontare il campionato con l’obiettivo di raggiungere le coppe europee, se poi, l’anno seguente da tali competizioni si esce con tanta facilità? Questa mentalità di sicuro non porta benefici al calcio italiano, ma il problema ancor più grande è la mancanza di una soluzione imminente. Solo i club possono decidere di cambiare rotta, e far tornare il Bel Paese a regnare nel mondo del calcio. Inghilterra, Spagna, Germania sono superiori, la Francia sta per riprenderci, noi l’ITALIA,  che nel calcio abbiamo sempre dominato, continuiamo a fare figure tutt’altro che buone. Quest’anno Palermo, Roma e Lazio hanno conquistato il pass per l’ Europa League, il Palermo come gia detto è uscito contro una squadra sconosciuta ai più, la speranza è affidata alle due squadre della capitale, si confida che almeno una  possa dare soddisfazioni ad una nazione che di queste avventure ne vive sempre meno.

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Luca Petrucci

Luca Petrucci

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*