Home / Cultura / Cinema / Film della settimana / “Romanzo di una strage”, il film della settimana

“Romanzo di una strage”, il film della settimana

Esce nell’ultimo weekend di marzo il nuovo film di Marco Tullio Giordana, “Romanzo di un strage”, film della settimana su L’indifferenziato.

Gli altri film in uscita nelle sale italiane. L’azione con “La furia dei titani” (Wrath of the Titans) di Jonathan Liebesman, la commedia agrodolce “Marigold Hotel” di John Madden, l’horror “Paranormal Xperience 3D” di Sergi Vizcaino, la commedia “Il mio miglior incubo” (Mon pire cauchemar) di Anne Fontaine, lo storico “I Colori della passione” (The Mill and The Cross) di Lech Majewski e infine la commedia italiana “Buona giornata” di Carlo Vanzina.

“Romanzo di una strage” è il nuovo lavoro di Marco Tullio Giordana, che segue l’ultimo “Sanguepazzo” del 2008. Il film è liberamente tratto dal libro “Il segreto di Piazza Fontana” di Paolo Cucchiarelli. Il cast è di primo ordine con: Valerio Mastandrea, Pierfrancesco Favino, Fabrizio Gifuni, Laura Chiatti, Luigi Lo Cascio, Michela Cescon, Giorgio Colangeli, Giorgio Tirabassi, Omero Antonutti, Thomas Trabacchi e Fausto Russo Alesi.

La trama del film. Milano, 12 Dicembre 1969. Alle ore 16.37 in piazza Fontana un’esplosione devasta la Banca Nazionale dell’Agricoltura, ancora piena di clienti. Muoiono diciassette persone e altre ottantotto rimangono gravemente ferite. Nello stesso momento, scoppiano a Roma altre tre bombe, un altro ordigno viene trovato inesploso a Milano. E’ evidente che si tratta di un piano eversivo. La Questura di Milano è convinta della pista anarchica, ci vorranno molti mesi prima che la verità venga a galla rivelando una cospirazione che lega ambienti neonazisti veneti a settori deviati dei servizi segreti. La strage di Piazza Fontana inaugura la lunga stagione di attentati e violenze degli anni di piombo.Nel corso di 33 anni vari processi si susseguono nelle più varie sedi, concludendosi con sentenze che si smentiscono a vicenda. Alla fine tutti risulteranno assolti, la strage di piazza Fontana per la giustizia italiana non ha colpevoli.

Il regista milanese affronta una delle stragi più devastanti e destabilizzanti del nostro Stato e cerca di dare un “senso” alle vite di Giuseppe Pinelli e Luigi Calabresi. In questa vicenda non sono morti solo loro, ma sono morte la nostra coscienza civile e la nostra memoria  e la fine dei sogni e le speranze degli anni settanta.

Romanzo di una strage dimostra con l’eloquenza dei fatti che non c’è stata giustizia e che la Legge dei tribunali si risolve troppo spesso in un’opera di rimozione.

Giordana rappresenta Pinelli e Calabresi (magistralmente interpretati da Favino e da Mastrandrea), anche se in antitesi tra di loro, come figure tragiche, dolenti, maltrattate eppure sempre dignitose e nobili. Un’altra straordinaria prova del regista de “I Cento Passi” e “La meglio gioventù”. Un film assolutamente da non perdere.

Ecco il trailer.

Fonti: Coming soon e My Movies

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Mauro Stracqualursi

Mauro Stracqualursi
"Bisogna sempre essere ebbri. Tutto è in questo:è l'unica questione. Per non sentire l'orribile peso del tempo.. che vi rompe le spalle e vi curva verso la terra... Dovete inebriarvi senza tregua.[...] Ma di che? Di vino,di poesia o di virtù,a Vostro talento. Ma inebriatevi. E se talvolta sui gradini di un palazzo, sull'erba verde d'una proda, nella solitudine tetra della Vostra camera, Vi destate, diminuita già o svanita l'ebbrezza, domandate al vento, all'onda, alla stella, all'uccello, all'orologio, a tutto ciò che sfugge, a tutto ciò che parla, domandate che ora è: ed il vento, l'onda, la stella, l'uccello, l'orologio, Vi risponderanno: E' l'ora di inebriarsi! Per non essere schiavi martoriati del Tempo, inebriatevi,inebriatevi senza posa! Di vino,di poesia o di virtù... a Vostro talento.." "Inebriatevi" - C. Baudelaire.

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*