Home / Sport / Team Soccer PSGI – Nuova Aurora 3-3

Team Soccer PSGI – Nuova Aurora 3-3

Ancora un 3-3 casalingo per il Team Soccer. Dopo il pareggio con Frosinone 2000, arriva il medesimo risultato nella sfida con Nuova Aurora. Un risultato che lascia l’amaro in bocca: la vittoria agguantata a pochi minuti dalla fine con il primo gol stagionale di Crecco, è svanita nei minuti di recupero per uno sfortunato scivolone del portiere Serracino.

La squadra di casa si presenta con una difesa inedita formata da Gelfuso e Pellegrini sulle fasce e Passari e Sera centrali a difendere la porta di Susa. Sulla linea mediana ci sono Yuri Petrucci e Vincenzo Tedeschi sugli esterni e Matteo Tedeschi e Di Manna nella zona centrale. Ottaviani e Tibello in avanti.

L’avvio è di marca ospite. La Nuova Aurora prende il comando del gioco e sfiora il gol al 7′ con un tiro dalla distanza  e al 12′ con un pallonetto dal limite dell’area: in entrambe le occasioni è bravo Susa che però si infortuna ed è costretto ad abbandonare il campo sostituito da Serracino. Per il Team Soccer inizialmente, solo Yuri Petrucci crea pericoli spingendo con continuità sulla fascia destra. Al minuto 15 passa in vantaggio la Nuova Aurora con un tiro di Cocco in area, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La reazione della squadra di casa arriva al 25′ quando Vincenzo Tedeschi si procura e trasforma un calcio di rigore. Un minuto dopo lo stesso Tedeschi sfiora il raddoppio dopo una insistita azione di Yuri Petrucci. Passano pochi minuti e stavolta è Ottaviani a sfiorare la traversa con un tiro al volo molto bello. Nel momento migliore del Team Soccer, la squadra ospite torna in vantaggio con un dubbio calcio di rigore concesso per un discutibile fallo di mano di Pellegrini: dal dischetto trasforma Reali.

Il secondo tempo si apre con un bel diagonale di Vincenzo Tedeschi che il portiere avversario devia in angolo. Al 10′ va ancora in gol Vincenzo con una splendida punizione dai 25 metri. Al 22′ bella giocata di Ottaviani che controlla, si libera di un avversario e mette Tedeschi solo davanti al portiere ma tira a lato. Il Team Soccer spinge alla ricerca del vantaggio che trova al minuto 38. Crecco da poco entrato in campo al posto di uno stremato Yuri, controlla in area un lancio di Matteo Tedeschi, e segna con un forte tiro che il portiere avversario non trattiene: è il 3-2! Sembra fatta ma nel secondo minuto di recupero, Partigianoni fa 3-3 con una punizione dai 30 metri, complice la scivolata di Serracino.

 

LE PAGELLE DI KRYPTONITE

Susa 6+. Praticamente s’infortuna alla prima uscita, ma salva comunque due volte il risultato nonostante il suo incedere è molto simile a quello di Gamba di Legno. Sfortunato.

Serracino 5. Che la sua giornata non sia  fortunata lo si capisce subito: neanche il tempo di arrivare in porta e già   si deve voltare a raccogliere la palla nel sacco. Non può nulla sul rigore, ma per colpa del vento e di un rimbalzo beffardo si fa sorprendere colpevolmente sulla punizione che sancisce il risultato sul 3-3. Insicuro.

Gelfuso 6-.Soffre la velocità e le ripartenze degli avversari, ma nonostante questo lotta continuamente su ogni pallone non sfigurando assolutamente. Il meno nel votazione riguarda la fase di impostazione, ormai siamo a fine stagione e ci aspettiamo qualche miglioramento.Polmoni d’oro, piedi d’acciaio.

Sera 7: Schierato da centrale non rende al massimo delle sue potenzialità poichè soffre la fisicità del 10 avversario, nonostante questo però tiene in piedi la baracca grazie alla sua rapidità. Diventa perfetto nella seconda frazione di gioco: spinge come un forsennato sulla fascia ed è preciso nella fase difensiva. Devastante.

Passari 5,5. Il pitbull della difesa non è in una delle sue giornate migliori. Soprattutto nella primo tempo non riesce a trovare le misure alle rapide giocate degli avversari. Nel secondo tempo, invece, butta una marea di palloni in orbita quando potrebbe tranquillamente far girare palla.  Spaesato.

Petrucci Matteo 6,5. “The wall” non è in perfette condizioni e parte quindi dalla panchina. Appena entrato la musica cambia e la difesa del Team Soccer è praticamente perfetta. C’è poco da dire, questo giocatore è troppo importante per gli equilibri della squadra. Imprescindibile.

Pellegrini 6: Per buona parte del match, ovvero quando è impiegato da terzino, la sua prova è insufficiente in quanto sempre in difficoltà e spesso fuori posizione. Con grande reazione d’orgoglio, spostato a centrocampo, nel finale del match è uno dei migliori. Caparbio.

Petrucci Yuri 7,5. “The Artist” è in giornata e si vede. Risulta praticamente immarcabile fino a quando è in campo. Dribbling, cambi di direzione e per non farci mancare niente doppio passo e pedalada. Il bagaglio tecnico è di primissimo livello e quando decide di mettersi a giocare, come fatto in questa partita, dipinge con i suoi piedi giocate fantastiche.  Manca solo il goal. Geniale

Tedeschi Matteo 7: Combattente nato: non molla un pallone, entra deciso in ogni intervento ed è una diga a centrocampo. Il suo lavoro di interdizione è fondamentale, recupera palloni su palloni e tiene unita la squadra.  Quando “El grinta” è in giornata son dolori per tutti. Gladiatore

Di Manna 5 : Gasato dalle recenti prestazioni, fin dal riscaldamento entra in campo poco concentrato. Quando si iniziano le partite in questo modo, il risultato è che in campo si passeggia, non  si vede mai la palla  e non si è mai in partita. Brutta copia sbiadita del giocatore che da gennaio ha cambiato volto al Team Soccer. Speriamo che il match serva da lezione, in campo prima di tutto ci vuole la testa e la voglia di lottare (l’esempio è in famiglia, vedi  fratello maggiore) Voci dallo spogliatoio dicono di una maglietta,già preparata, con la scritt :”Si vist Drogba”? Drogba l’abbiamo visto, Di Manna no.Fantasma

Tedeschi Vincenzo 8:  Semplicemente perfetto. Si mette la squadra sulle spalle, nonostante la statura, e la trascina verso una vittoria che sembrava ormai raggiunta. Fa letteralmente perdere la testa alla retroguardia avversaria non dando mai punti di riferimento. Con la palla al piede semina avversari ovunque per il campo grazie ai suoi dribbling funambolici. Queste sono le partite che ci aspettiamo dal Giovinco nostrano. Man of the Match

Tibello 5,5: Utilizzato da centravanti boa, il nostro Drogba, non riesce ad incidere: un pò perchè non è in gran forma, un pò perchè viene spesso servito dai compagni con palle lunghe nello spazio e si sa che Carmine non è propriamente un fulmine di guerra. Rivedendo  tatticamente la sua posizione  e con allenamenti molto sodi, sono convinto che può far bene in questa posizione. Poco incisivo

Ottaviani 5,5:Inzaghino gioca troppo lontano dalla porta e non riesce ad incidere sul match. Va vicinissimo al goal nel primo tempo, con una bella conclusione al volo. Poi esce dalla partita e gioca a ritmi alternati. Soffre molto la fisicità della difesa avversaria per questo inizia a giocare lontano dall’area avversaria. Discontinuo

Crecco 10. Quando qualcuno mi chiede perchè amo questo sport, la risposta è molto semplice perchè ci fa vivere momenti come quello del goal di Vincenzo. Ragazzo umile, volenteroso che non salta  mai un allenamento pur sapendo benissimo che non sarà mai un campione di questo sport. Gioca semplicemente per divertirsi e stare insieme ai compagni. Il Dio del calcio gli ha voluto regalare uno splendido momento di gloria e di gioia, e credo che la cosa più bella di tutto il campionato sia proprio il volto incredulo di Vincenzo dopo aver realizzato questo goal che racchiude perfettamente lo spirito della scuola calcio e del settore giovanile del Team Soccer.

 

 

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Mirco Zurlo

Mirco Zurlo
"Quando non si conosce la verità di una cosa, è bene che vi sia un errore comune che fissi la mente degli uomini. La malattia principale dell'uomo è la malattia inquieta delle cose che non può conoscere; e per lui è minor male essere nell'errore che in quella curiosità inutile".

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*