Home / Sport / Coppa America-il trionfo dell’Uruguay

Coppa America-il trionfo dell’Uruguay

La 43esima edizione della Coppa America, che si è svolta in Argentina dall’1 al 24 luglio, ha visto il trionfo dell’Uruguay che si è imposto in finale sul Paraguay con un sonoro 3-0. La “Celeste” si è dunque confermata ai massimi livelli calcistici migliorando il già sorprendente quarto posto del mondiale sud africano.La nazionale uruguayana è un mix perfetto tra la qualità di Suarez, Forlan e Cavani, il cuore e la forza fisica di atleti come Perez, Lodeiro e Alvaro Pereira e la solidità difensiva di Muslera, Lugano e Godin. A guidare questa nuova corazzata del calcio mondiale c’è “El Maestro” Oscar Taberez, che è riuscito a creare un gruppo coeso, unito, in cui la classe dei singoli e al servizio della squadra.

Proprio questa caratteristica è mancata alle due grandi deluse di questa edizione: il Brasile e l’Argentina.La Selecao e la Selección non hanno mai impressionato nel torneo, giocando un calcio molto al di sotto delle loro enormi potenzialità. I sogni delle due super potenze del calcio sud-americano erano riposti solo e soltanto sulle giocate dei singoli.L’Argentina, del CT Batista,squadra di casa si era affidata alle mani di Messi, Aguero e Higuain, però l’Albiceleste per tutta la durata del torneo è stata in palese difficoltà nella fase difensiva e nella gestione della palla a centrocampo. Messi era costretto a prendere palla sulla linea mediana e gli avversari moltiplicando la marcatura riuscivano a fermare il talento della Pulce.

Il Brasile  di Mano Menezes,ha pagato una scarsa condizione fisica e la carenza di giocatori di elevato spessore tecnico a centrocampo. Sembra una bestemmia ma è cosi, la nazionale verde-oro da molti anni a questa parte non riesce a trovare centrocampisti capaci di imbastire una manovra di qualità. Inoltre il trio offensivo,Pato-Robinho-Neymar, molte volte è risultato troppo “leggero” fisicamente e si è sentita la mancanza di “O Fabuloso”.

Un’altra grande sorpresa e il Paraguay, pochi fronzoli e tanta sostanza (muscoli e calci), del CT Martino che è arrivato a giocarsi la finale con l’Uruguay. La caratteristica principale di questa nazionale è stata sicuramente la grande forza difensiva. Uomo simbolo del Paraguay è sicuramente il portiere para-tutto Villar. C’è da dire che se il Paraguay vorrà in futuro diventare una big dovrà lavorare molto sulla fase offensiva, infatti, la squadra è arrivata in finale senza vincere una partita nei tempi regolamentari.

La Coppa America 2011 ha visto anche i grandi risultati di Venezuela e Perù che sono arrivate in semi-finale. Da segnale nel Perù le ottime prestazioni del bomber in forza all’Amburgo Guerrero, e nel Venezuela un’ottima disposizione tattica; per la La Vinotinto, si tratta del miglior risultato di sempre.

Questa competizione ha ricordato a tutti che il calcio è un gioco di squadra, in cui non è il gruppo che gioca per i singoli, ma sono i singoli che devono mettersi a disposizione della squadra e ha rilevato ancora una volta che l’allenatore non deve essere solo un motivatore, più o meno bravo, ma deve curare la parte tattica in maniera maniacale, insomma come diceva Arrigo Sacchi: “Durante una partita di calcio, ciascuno di voi tocca la palla per due minuti. Su quei due minuti non ho nulla da dire: con la palla tra i piedi siete più bravi di me. Io sono qui per insegnarvi cosa fare negli altri ottantotto”.

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*