Home / Politica / Lo Zoo e il ritorno della Balena Bianca.

Lo Zoo e il ritorno della Balena Bianca.

Uno spettacolo dell’assurdo per stomaci forti. Chiunque sia dotato di un briciolo di buon senso non può non aver provato forti conati di vomito di fronte all’indegno teatrino che siamo stati costretti a subire in questi giorni. Sono sempre più convinto che la Casa Della Democrazia sia semplicemente diventata lo Zoo della Terra dei Cachi. La notizia certa è il ritorno in questa vecchia fattoria di un vecchio animale, una volta padrone indiscusso dello zoo, la Balena Bianca. La notizia è stata accolta con grande entusiasmo da tutti i centri di potere italiano da Confindustria al Vaticano.

Nella parte destra del ranch  troviamo un vecchio boss in evidente stato confusionale. Prima dice si, poi no, poi smentisce il no, poi prende tempo e dice vediamo, successivamente ci ripensa e infine cambia idea sul ripensamento. I falchi, che diventano umili pecorelle a comando del padrone, in questa serie di ripensamenti fanno la figura dei polli. Povero Bondi, povero Sallusti mandato a combattere per il capo nell’arena di Ballarò. Si diceva che questa volta, finalmente, avessero vinto le colombe. Strana storia questa delle colombe: sono stati  per anni insieme ai più agguerriti falchi, hanno votato di tutto: proponendo Lodi, credendo alla storia che Ruby fosse nipote di Mubarak, hanno abolito il reato di falso in bilancio.  Per non parlare della colomba Cicchitto: iscritto alla P2 e socialista, (insomma si trovava bene con le Iene e gli sciacalli) diventa un sergente di ferro del capo. Ora, dopo aver capito che la baracca a destra sta saltando in aria, si  sta spostando centimentro dopo centrimento verso il centro. Improvvisamente tutti si stanno travestendo da statisti responsabili in nome della stabilità. In realtà il piano è ben più ampio: per provare a capirlo c’è bisogno di introdurre la parte centrale dello zoo.

camera-dei-deputati_322x215

In questa zona avviene un paradosso, solo il 6% circa degli elettori ha dato fiducia agli animali amici dei Monti e dei Casini, però alla fine tutti si ritrovano appassionatamente in quest’area. C’è chi proviene da destra e anche molti troppi dalla presunta zona di sinistra. Si dice che abbiano amici molto importanti, alcuni provengono anche dall’estero. Per molto tempo, soggiornava qui un animale: la Balena Bianca. Si dice che le colombe, i gatti del centro e i migratori di sinistra stiano lavorando per farla ritornare. Però non si può dire apertamente, bisogna lavorare nell’oscurità. I visitatori non devono capire.  Questo luogo è particolarmente amato da chi è benestante e deve difendere i propri interessi.  Si dice che ai tempi del mitico animale dell’oceano ” mangiavano e facevano mangiare”. Però avvenivano anche troppi e strani spargimenti di sangue, però questo non va detto, altrimenti il piano va a Monte e gli animali dei Monti si arrabbiano.

Passiamo ora alla parte di sinistra. Qui è sempre avvenuto un gran casino. Una volta tanto tempo fa c’erano persone che volevano difendere le persone più povere, gli ultimi. Si provava a difendere l’ambiente. Nessuno voleva sentire parlare di guerra. Una volta accadeva questo… Ora, invece,  la maggioranza degli animali di quest’area sono uccelli migratori che hanno come meta preferita il centro. Semplicemente perché sono nati in quell’area e si sa, si resta sempre affezionati al luogo di nascita. Loro sono molto furbi, infatti, abitando a sinistra ingannano i visitatori e gli amanti di quest’area, ma in realtà il loro piano è il ritorno del Grande Centro.  La prova evidente è che non dispiace a nessuno governare con le colombe (con i Falchi no è, per carita!!).  In queste ore, il processo di depotenziamento e di indebolimento  sta finalmente arrivando a termine e c’è davvero poco da gioire. Finisce politicamente il Boss di destra, ma non c’è vittoria a sinistra.

Poi c’è chi perde sempre ed è fortemente scoraggiato: gli animali in via di estinsione e alcune mosche bianche che vorrebbero un programma in cui si parli di diritti, di lavoro, di tutele, di legalità. A loro che ora come ora contano davvero poco resta l’appoggio dei movimenti e delle associazioni fuori da quello Zoo.

dc-balena-bianca

Eppure solo pochi mesi fa, Lo Zoo sarebbe potuto ridiventare la Casa della Democrazia. L’elezione del Presidente della Repubblica era per l’Italia un treno che non doveva e poteva essere perso. Da quel passaggio doveva uscire una soluzione volta a distruggere questo status quo. Finalmente doveva esserci cambiamento. Invece, ci troviamo qui, in una situazione gattopardesca e con il ritorno in realtà del vecchio che più vecchio non si può: La Balena Bianca simbolo storico della Dc. Le responsabilità sono tante e di troppi.

 

 

Lo Zoo e il ritorno della Balena Bianca.
5 (100%) 1 vote

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*