Home / Matti da legale (blog) / Multe sulle strisce blu: la toppa è peggio del buco?

Multe sulle strisce blu: la toppa è peggio del buco?

Dal blog: http://mattidalegale.blogspot.it/

strisce bluNegli ultimi giorni molti automobilisti hanno esultato leggendo la risposta che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha dato ad un’interrogazione parlamentare: l’automobilista che paga ed espone correttamente il ticket per un tot di tempo ma prolunga la sosta oltre quel tempo non è soggetto a sanzione amministrativa (quella che normalmente chiamiamo “multa”, anche se in modo errato).
Il chiarimento del Ministero è interessante da un punto di vista giuridico perché rimanda al principio della certezza del diritto: secondo il parere ministeriale, infatti, il Codice della Strada non sanzionerebbe direttamente l’ipotesi della sosta oltre l’orario pagato ma, per il combinato disposto dei commi 6 e 8 dell’articolo 157, punirebbe solo il caso della mancata esposizione del ticket (con la sanzione di 41 euro).
Per cui, secondo il Ministero, il caso in esame configurerebbe solo un “inadempimento contrattuale”: in sostanza l’automobilista che acquista il ticket per le strisce blu stipula un contratto con l’Ente (es.: Comune) e, se non rispetta il limite temporale per il quale ha pagato, deve integrare il dovuto. A questo punto dovrebbe essere l’Ente, con apposito regolamento, a disciplinare le procedure di recupero delle somme non corrisposte, senza però poter prima multare l’automobilista.
Tutto chiaro? Insomma. Perché – come ripetono i Comuni – è lo stesso Codice della Strada a prevedere che la Giunta comunale possa stabilire “aree destinate al parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata al pagamento di una somma da riscuotere mediante dispositivi di controllo di durata della sosta, anche senza custodia del veicolo, fissando le relative condizioni e tariffe in conformità alle direttive del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le aree urbane“.
Ma a questo punto il rischio dell’incertezza è pressoché inevitabile: se ogni comune adotterà un regolamento differente, affidando a enti diversi il compito di recuperare i crediti, prevedendo sanzioni diverse e meccanismi di gestione delle aree di sosta differenti, l’automobilista dovrà diventare una sorta di tuttologo dei comuni!
Un tipico esempio della proverbiale toppa che rischia di essere peggiore del buco, anche se il Ministero ha ribadito che presto il Codice della Strada indicherà i confini entro i quali i Comuni potranno redigere i regolamenti.
Non ci resta che sperare nella ben nota saggezza del legislatore italiano…
Multe sulle strisce blu: la toppa è peggio del buco?
5 (100%) 1 vote

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Carlo Nalli

Carlo Nalli

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.