Home / Salute & Ambiente / L’Appennino che si muove…

L’Appennino che si muove…

“La Padania si sta staccando”. Partiamo da questa infelice affermazione, che ha provocato sdegno e vergogna su tutti i social network e in tutti gli altri media, pronunciata dal leghista Stefano Venturi (giustamente poi dimessosi), per sottolineare l’opposto, ovvero che la Pianura Padania si trova nel bel mezzo, oserei dire tra incudine e martello, con l’Appennino spinto dalla placca adriatica verso le Alpi.

Centinaia le scosse avvertite, ancora molte sono quelle di assestamento, partendo dalla più forte, di magnitudo 5.9, avvenuta alle 4:03 del 20 Maggio nella zona di Modena nel distretto sismico “Pianura_padana_emiliana” , che ha provocato la morte di sette persone, oltre lo sfollamento di 4500 persone.

Il rischio sismico in queste zone è sempre stato classificato come “medio-basso” (come da cartina) anche se in passato negli stessi luoghi di Modena e Ferrara sono stati registrati tremendi terremoti. Come viene ricordato quello del 1570, con magnitudo 5,5, sempre a causa della placca adriatica in continuo movimento dall’Africa verso il nord-est.

Sotto la Pianura Padana esiste una catena montuosa molto attiva, che è appunto la falda dell’Appenino, che negli ultimi anni era stata soggetta anche a degli studi dopo che alcuni sciami sismici nel 1996, 2000 e 2008 colpirono l’Emilia e in particolar modo le zone del parmense e del reggiano. Alessandro Michetti, docente di Geologia al Dipartimento di scienza e alta tecnologia (Dsta) dell’universita’ di Varese ha affermato che “con i dati oggi in nostro possesso, possiamo escludere il verificarsi di terremoti di Magnitudo superiore a 7. Ma nello stesso tempo, non possiamo escludere nell’area epicentrale del terremoto di ieri notte scosse di Magnitudo intorno a 6.0-6.5, e quindi intensita’ del IX grado MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg)”.

Finora sono state localizzate oltre 100 repliche, di cui 6 di magnitudo compresa tra 4 e 5; 27 di magnitudo tra 3 e 4, e oltre 75 di magnitudo inferiore. Appunto ciò che colpisce è che l’area interessata è di quasi 40km. Come mai la zona è così estesa e non cessa questo sciame sismico? Secondo il sismologo Warner Mazzocchi “la compressione fra le due placche deve liberare l’energia accumulata. E ciò può avvenire in tre modi: nel giro di poche ore; nell’arco di qualche giorno o nel giro di un lasso di tempo molto più lungo. “Nelle prossime ore ci aspettiamo una riduzione dell’intensità, ma non si può escludere che possano avvenire altri terremoti importanti”.

E dopo tre anni, un nuovo terremoto, torna a far tremare l’Italia e sempre con il picco d’intensità nella notte. Per il presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Stefano Gresta, “il terremoto del 20 maggio 2012 avrebbe potuto provocare una strage se fosse avvenuto sotto una città.” Come appunto è avvenuto per L’Aquila.  Per il ricercatore del Cnr, Gian Paolo Cavinato, i due sismi sono eventi diversi,  “La potenza non è l’unico elemento. Va valutata la composizione del sottosuolo e la morfologia geologica dell’area interessata dalla scossa”.

Per adesso la speranza e’ che non si ripeta quanto accadde nel 1570, quando la sequenza sismica duro’ ben quattro anni.

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Mauro Stracqualursi

Mauro Stracqualursi
"Bisogna sempre essere ebbri. Tutto è in questo:è l'unica questione. Per non sentire l'orribile peso del tempo.. che vi rompe le spalle e vi curva verso la terra... Dovete inebriarvi senza tregua.[...] Ma di che? Di vino,di poesia o di virtù,a Vostro talento. Ma inebriatevi. E se talvolta sui gradini di un palazzo, sull'erba verde d'una proda, nella solitudine tetra della Vostra camera, Vi destate, diminuita già o svanita l'ebbrezza, domandate al vento, all'onda, alla stella, all'uccello, all'orologio, a tutto ciò che sfugge, a tutto ciò che parla, domandate che ora è: ed il vento, l'onda, la stella, l'uccello, l'orologio, Vi risponderanno: E' l'ora di inebriarsi! Per non essere schiavi martoriati del Tempo, inebriatevi,inebriatevi senza posa! Di vino,di poesia o di virtù... a Vostro talento.." "Inebriatevi" - C. Baudelaire.

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*