Home / Attualità & Economia / 2 giugno, Repubblica e Costituzione.

2 giugno, Repubblica e Costituzione.

Bisogna che la Repubblica sia giusta e incorrotta, forte e umana: forte con tutti i colpevoli, umana con i deboli e i diseredati.
Sandro Pertini

Il 2 Giugno l’Italia festeggia la Festa della Repubblica. Molti, come troppo spesso accade, non riconoscono il significato ultimo e profondo di questa ricorrenza, preferiscono credere che la giornata odierna sia dedicata semplicemente ad altro. Gli avvenimenti che accadono nel nostro Paese negli ultimi anni stanno intensificando la loro frequenza: si vuole cambiare il senso ultimo della nostra Carta Costituzionale. Anche oggi con tempismo perfetto il vicepremier del Governo, Angelino Alfano, con le sue dichiarazioni è andato in questa direzione. La storia recente ci insegna che in nome di una effimera efficienza e di un presunto progresso si celano disegni che perseverano ben altri scopi: la tutela dei privilegi delle oligarchie e dei centri di potere a dispetto della difesa dei diritti dei più. Per molti compatrioti gli articoli che dovrebbero essere la  base del nostro vivere sono dei perfetti sconosciuti, ovviamente questo non accade per caso: sapere e riflettere su determinati argomenti risulta troppo pericoloso per il potere costituito che mira alla sua conservazione e alla sua espansione.

nata-la-repubblica-italiana1_320x343

Il fresco profumo di libertà che emana il nostro dettato costituzionale ha bisogno continuo dell’apporto di idee, di giovani,  di “benzina” per accendere la combustione del cambiamento, ma soprattutto è necessaria la conoscnza per mantenere vivi i suoi principi fondamentali: il diritto al lavoro, l’ugualianza  senza distinzioni di genere,razza, lingua, religioni, opinioni politiche, lo sviluppo della cultura, la tutela del paesaggio, il ripudio della guerra, la laicità dello stato. Quanto sarebbe bella l’Italia se veramente tutto questo sarebbe attuato.  Le ricorrenze non possono essere retoriche, non devono esserlo perchè quello che accade oggi è inamissibile:  la disoccupazione, la sistematica attuazione dei privilegi invece che dei diritti, il sentirsi superiori alla legge in base alla condizione sociale che si ricopre, le  difficoltà sempre maggiori per l’istruzione e la salute pubblica.

Federico Caffe nel 1977   disse che l’incapacità di assicurare la dignità del lavoro ai giovani rappresenta, al di là di ogni richiamo alla Costituzione, la manifestazione evidente della disfunzione fatale di un sistema economico. Oggi la situazione si è drammaticamente avverata e nella gattopardesca Italia il tentativo di cambiare il sistema costistuzionale contiene l’obiettivo opposto: mantenere lo status quo, congelare il cambiamento richiesto dall’opinione pubblico e addirittura, restaurare l’ancien regime dove è possibile. Celebrare degnamente la Repubblica significa opporsi a tutto  ciò. é necessario sapere che quelle pagine non sono cadute dall’alto, non sono state una concessione di qualche sovrano: pagina dopo pagina, lettera dopo lettera c’è la storia di 100.000 ragazzi che hanno donato la propria vita per donarci la giustizia e la libertà. C’è bisogno di urlare che i diritti e l’ideali scritti dai nostri padri costituenti sono più vivi che mai.

 

 

Vota questo Articolo!

Commenti

commenti

Pubblicità

Notizie su Umberto Zimarri

Umberto Zimarri
..Io, giullare da niente, ma indignato, anch'io qui canto con parola sfinita, con un ruggito che diventa belato, ma a te dedico queste parole da poco che sottendono solo un vizio antico sperando però che tu non le prenda come un gioco, tu, ipocrita uditore, mio simile... mio amico...

Rispondi

Il tuo indirizzo eMail non sarà Pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati. *

*